Side content

Product navigation

Filtri
    
Marca
Tipo cloro

Dicono di noi



Main content

Mostra:
Ordina per:

Prodotti scelti




Cloro per piscine

Vendita online di cloro per piscine, tricloro e dicloro.


Ogni giorno nell’acqua di una piscina da esterno si introducono tanti micro-organismi di ogni genere: alghe, spore, batteri, polvere, fuliggine e sporco. La corretta pulizia è ovviamente la base per avere una piscina sicura per i bagnanti e che duri a lungo. Il cloro è una delle soluzioni più diffuse per la disinfezione e la purificazione dell’acqua della piscina fuori terra o interrata. Il suo valore si esprime in mg o ppm, e la sua forma più importante da monitorare è il cloro libero (la cui concentrazione dev’essere necessariamente compresa tra 1 e 2 ppm). Per fare in modo che l’acqua della tua piscina da giardino abbia i giusti valori di cloro, ogni settimana è necessario monitorare i valori di cloro e agire con prodotti chimici specifici.

Cloro per piscine: differenze e tipologie

Il cloro libero è un elemento fondamentale per la manutenzione dell’acqua della tua piscina fuori terra o interrata; è un elemento chimico igienizzante efficace solo con determinati valori di pH compresi tra 7,2 e 7,6. E’ necessario quindi effettuare un trattamento del pH, tramite il test del pH prima (con apposito pool tester elettronico o manuale) e la correzione dopo (tramite prodotti chimici correttori di pH che aumentano o abbassano i valori). Una volta regolato il pH, si può procedere con il trattamento igienizzante a base di cloro. Esistono due tipi di cloro libero per piscine: il cloro in polvere (o dicloro) e il cloro in pastiglie (o tricloro).

Il cloro in polvere o dicloro contiene il 60% di cloro utile ed è conosciuto anche con i nomi di cloro rapido o cloro shock: questo perché agisce in modo veloce e permette di disinfettare a fondo l’acqua della piscina e di eliminare gli elementi inquinanti causa di cattivi odori, acque torbide e proliferazione di alghe. Due casi in cui è indispensabile utilizzare il cloro shock sono se non viene effettuata una pulizia della piscina da molto tempo (ad esempio, dopo la stagione invernale) o se ci sono state delle forti precipitazioni atmosferiche.

Il cloro granulare o tricloro contiene il 90% di cloro utile e si presenta in pastiglie granulari a lento scioglimento (circa due settimane): la durata prolungata garantisce quindi un corretto mantenimento dei valori di cloro dopo il trattamento d’urto con il cloro shock. Le pastiglie di cloro per piscine sono un igienizzante indispensabile per garantire le corrette condizioni igieniche della piscina in modo costante e quotidiano.

Modo d’uso del cloro shock per piscine

Ad inizio stagione è necessario un trattamento aggressivo di clorazione d’urto, per purificare l’acqua dopo il periodo invernale. Il cloro shock serve proprio a questo! Per utilizzare il cloro shock basta diluirne dai 10 ai 15 grammi per ogni metro cubo di acqua. E’ importante diluire il cloro shock in una bacinella a parte, per evitare danni al liner e una volta diluito puoi versarlo nella piscina. E’ necessario aspettare due o tre giorni prima di fare il bagno nella piscina. Ripeti l’operazione ogni due settimane.

Modo d’uso delle pastiglie di cloro per piscine

Durante la stagione balneare è necessario un trattamento leggero di clorazione lenta, per non creare problemi ai bagnanti. Anche nel caso delle pastiglie di cloro si utilizzano dai 10 ai 15 grammi per metro cubo di acqua. Il tricloro è molto più abrasivo del dicloro, quindi non puoi assolutamente scioglierlo nell’acqua della piscina, ma versarlo nello skimmer o tramite un erogatore galleggiante.

Come scegliere il formato di cloro per piscine giusto

Capire quale tipo di cloro è più adatto per la tua piscina non è semplicissimo, ma con un po’ di esperienza e con i nostri consigli te la caverai benissimo. Tutto dipende dalle marche, dai prezzi, dalla densità del prodotto e dalle dimensioni della tua piscina. Ad esempio 200 grammi di cloro lento Gre può trattare 15 metri cubi di acqua ogni settimana, circa una piscina fuori terra rotonda da 5 metri, alta 120 cm.

Le pastiglie sono disponibili su questa sezione in vari formati, quindi basta calcolare il bisogno dell’intera stagione balneare per capire le quantità da acquistare per risparmiare. Se hai una piscina fuori terra fino a 20 metri cubi, ti consigliamo di optare per il cloro granulare; se hai una piscina fuori terra oltre i 20 metri cubi, ti consigliamo di optare per le pastiglie di cloro.

Lo staff di San Marco è a tua completa disposizione per rispondere alle tue domande sui prodotti chimici a base di cloro. Per qualsiasi dubbio contattaci o consulta il nostro blog sulle piscine.

Cloro per piscine: le differenze e i modi d’uso di dicloro e tricloro

Conosciamo meglio questi due importanti prodotti chimici per piscine


Il cloro (libero) è un elemento fondamentale per la manutenzione dell’acqua della tua piscina, ed è una delle basi per un corretto trattamento dell’acqua.

È un elemento chimico altamente igienizzante, che può avere efficacia solo con determinati valore del pH (tra 7,2 e 7,6) e la cui concentrazione nell’acqua deve essere compresa tra 1 e 2 ppm: ricordiamoci di avere sempre un pool tester per questo. 

Abbiamo anche detto che, per raggiungere questi valori, è necessario agire sia con cloro in pastiglie o tricloro che con cloro in polvere, due prodotti chimici entrambi necessari per una piscina pulita e sana.

Ma qual è la differenza tra queste due importantissime “armi igienizzanti”? Come utilizzarle nel modo corretto? E perché servono entrambe? Vediamolo insieme.

Cloro in polvere o dicloro

Contiene il 60% di cloro utile ed è conosciuto anche come cloro rapido o shock. Perché? Perché agisce in maniera ultra veloce, appunto, permettendo di disinfettare l’acqua della piscina in maniera vigorosa e di distruggere immediatamente tutti quegli elementi inquinanti che causano cattivo odore, acqua torbida e formazione di alghe.

Quindi, se non pulite l’acqua della vostra piscina da un po’ di tempo, oppure dopo che c’è stato un temporale o con una eccessiva concentrazione di cloro (inquinamento da clorammine), dovete assolutamente agire con questo prodotto chimico.

Come? Diluendo dai 10 a 15 gr di cloro per ogni metro cubo di acqua in acqua a parte (per evitare danni al liner), poi versandolo direttamente nella piscina ed eseguendo l’operazione almeno ogni 14 giorni. Mi raccomando: niente tuffi in piscina per i successivi due tre giorni!

Cloro granulare o tricloro

A differenza del dicloro, il tricloro è in pastiglie granlari a lenta solubilità (15 giorni all’incirca) e consente di garantire il corretto mantenimento dei valori di cloro dopo un efficace trattamento d’urto.

È un igienizzante indispensabili per garantire nei giorni le corrette condizioni igieniche dell’acqua della piscina; è disponibile in pastiglie e rilascia il 90% di cloro utile.

Mai, e ripetiamo, mai versare direttamente una pastiglia di tricloro direttamente in piscina, essendo più abrasiva del dicloro: meglio scioglierla nello skimmer (sempre con le dovute cautele e i giusti dosaggi) o in pratici erogatori galleggianti.

I dosaggi? Gli stessi del dicloro: 10-15 gr di prodotto per ogni metro cubo d’acqua e ci si può bagnare anche durante il trattamento, purchè il cloro attivo libero non ecceda i valori che conosciamo.

Visita la sezione dei prodotti chimici per piscina, troverai la più ampia gamma di cloro per piscine in vendita online!