Trattamenti alternativi al cloro per l’igienizzazione delle piscine


Una piscina fuori terra o interrata in giardino è il sogno di molti: a volte, però, amici o familiari si dicono contrari alla sua realizzazione perché non sopportano l’odore del cloro, si sentono troppo infastiditi dal bruciore o dall’irritazione procurati dal contatto prolungato, temono possa essere troppo “aggressivo” per i bambini.

Siamo abituati a pensare al cloro come unica soluzione per la pulizia dell’acqua perché è il più conosciuto e utilizzato, e l’unico adatto e permesso per le piscine pubbliche. Per noi possessori di una piscina da giardino, invece, esistono delle ottime alternative che potrebbero fare al caso nostro.

 

Ecco dunque quali sono i migliori prodotti chimici per piscine da usare al posto del cloro

Bromo: la sua reazione chimica in acqua è molto simile a quella del cloro ma il bromo combinato risulta essere meno stabile e dunque meno irritante per occhi, pelle e capelli. Venduto in pastiglie o in formato granulare, la sua azione è massima quando l’acqua è più calcarea e più calda (a differenza del cloro, che alle alte temperature invece è meno efficace). Non produce esalazioni gassose ed è quasi inodore grazie alla minore volatilità. Ottimo per il mantenimento, la sua concentrazione può essere rilevata grazie ad appositi tester in commercio. In generale il suo impiego segue gli stessi ritmi dell’uso del cloro, ma ha una minore azione ossidante, per cui la presenza nell’acqua deve essere un po’ più elevata. Esiste anche la versione multiazione, proprio come per il cloro, che funge anche da stabilizzatore ph, flocculante e antialghe. Per evitare la formazione di microrganismi è comunque consigliabile alternarlo a un altro prodotto.

Ossigeno: venduto in formato liquido o in pastiglie, è forse il prodotto meno “chimico” di tutti, e per questa stessa ragione richiede più attenzione e tempo da dedicare alla cura dell’acqua. È comunque un ottimo ossidante e disinfettante se impiegato seguendo scrupolosamente le istruzioni. Inodore, anallergico, non irrita occhi e pelle, non produce schiuma: per i soggetti sensibili un’ottima soluzione di pulizia dell’acqua della piscina. L'ossigeno si divide in tre tipi: ossigeno lento, ossigeno attivo e ossigeno schock. L'ossigeno lento funge da "base" per due diversi tipi di trattamento: combinato con l'ossigeno attivo ha un'azione di mantenimento (come il cloro lento); combinato con quello schock ha un'azione d'urto per effettuare una pulizia massiva (come avviene con il cloro schock). In entrambi i casi l’ossigeno per piscine da giardino svolge anche la funzione di antialghe.

Perossido di idrogeno e Biguanide: questo trattamento prevede l’utilizzo combinato di acqua ossigenata come elemento ossidante e biguanide come elemento disinfettante. Buona efficacia, però l’azione della biguanide è molto più lenta. I due prodotti tendono a un maggior accumulo di incrostazioni rivestimenti e sul filtro.  Con questo sistema bisogna inoltre limitare la velocità di filtrazione per evitare il ritorno in vasca dello sporco.  Un risultato simile si ottiene con la combinazione di persolfato – poliquaternario.

Se poi volessimo semplicemente limitare gli svantaggi dell’utilizzo del cloro (odore e irritabilità), in commercio esistono apparecchi a lenta cessione di ioni argento, che esaltano l’efficacia del cloro permettendo di ridurne il dosaggio.

 

E se volessimo pulire la piscina senza l’uso di prodotti chimici?

Le alternative all’acquisto di prodotti chimici ci sono. Chiaramente non sono sostitutive ai processi di reazione nell’acqua necessari per ottenere l’igienizzazione desiderata. In particolare abbiamo:

I clorinatori: questi apparecchi producono cloro a partire dal comune sale da cucina grazie al processo di elettrolisi, che abbiamo approfondito in un altro articolo. Com’è intuibile, non si tratta di una vera e propria alternativa al cloro, ma di un diverso modo di produrlo.

Kit per disinfezione tramite raggi UV: questo trattamento, invece, prevede il passaggio dell’acqua sotto una o più lampade a raggi ultravioletti (generalmente a onde corte perché dotate di maggior potere germicida), che eliminano gli organismi patogeni. Molto efficace e sano, permette di ridurre l’utilizzo dei chimici fino all’80% ma non di eliminarli completamente. Ideale comunque per i soggetti allergici o con problemi alle vie respiratorie. Va calcolata attentamente la velocità di passaggio e col tempo la lampada perde la sua efficacia, quindi va sostituita. Inoltre il tubo va pulito periodicamente per evitare le incrostazioni di calcare. È un metodo relativamente nuovo ma che sta dando ottimi risultati

Scritto da Gruppo San Marco

Prodotti collegati a questo articolo

Articoli Collegati

Cloro per piscine, acquista il prodotto migliore per la tua piscina

La limpidezza dell'acqua dipende da piccole attenzioni, e il cloro è una dei prodotti fondamentali. Ti aiutiamo a capire quanto cloro bisogna mettere nella piscina in base al formato del prodotto e alla tipologia della piscina, la differenza tra cloro shock e cloro lento e come risparmiare sul trattamento estivo.

0 commenti su questo articolo - visualizza commenti
Cloro lento e cloro shock: tutto quello che c'è da sapere

Quali sono le differenze tra cloro lento e cloro shock? Come utilizzarli nella propria piscina? Come calcolare le quantità? Tutte le risposte sul blog di Gruppo San Marco!

0 Commenti

Scrivi Commento

Nome:
 
Commento:
Nota: HTML non è tradotto!
Captcha
  • Visa Electron
  • Visa
  • Paypal
  • Mastercard
  • Maestro
  • Cirrus
  • Postepay
  • Bancomat
  • RateinRete