Acquista il cloro per piscina al miglior prezzo

Cloro lento, cloro shock, cloro granulare o cloro in pastiglie | San Marco


 

cloro-per-piscine-san-marco

Quanto cloro mettere nella piscina?

Uno dei dubbi più frequenti nella manutenzione della piscina è capire quanto cloro mettere in una piscina fuori terra o interrata. La prima cosa da fare è sicuramente il trattamento ph che deve essere stabilizzato a 7,6 per permettere al cloro di agire efficacemente. Il tester per ph in questo caso è un ottimo strumento per controllare il livello. È importante capire che l'utilizzo del cloro varia in base al periodo, distinguendo tra un trattamento di cloro shock e uno lento.

All’inizio stagione infatti è necessario un trattamento particolarmente aggressivo, anche detto clorazione d'urto, che purifica l’acqua dopo il periodo invernale. Durante la stagione invece si fa un trattamento più leggero per non creare problemi ai bagnanti anche se, nonostante sia meno forte per non irritare la pelle, va versato con il giusto dosaggio per un bagno senza rischi.

Per capire quanto cloro mettere innanzitutto sappi che c’è una reale differenza tra le marche, soprattutto fra i prezzi: tutto dipende dalla densità del prodotto e dalla dimensione della piscina. Ad esempio ogni tavoletta da 200 grammi di cloro lento in pastiglie - il migliore sul mercato - può trattare 15 metri cubi di acqua ogni 7 giorni. Quindi se hai una piscina da 5 metri circolare alta 1.20 metri è sufficiente una tavoletta da 200 grammi ogni settimana per un trattamento di cloro lento efficace.

Le pastiglie vengono vendute in vari formati e calcolare di quante ne hai bisogno er l'intera stagione ti farà sicuramente risparmiare: se utilizzi una tavoletta a settimana ti serviranno due confezioni da 5 chili di cloro lento Gre in pastiglie. Le pastiglie possono risultare eccessive per piscine fuori terra da uno a venti metri cubi, più piccole: in questo caso meglio optare per il formato granulare. 

cloro lento shock per piscineCome calcolare quanto coloro devo mettere nella piscina?

Quindi i fattori da considerare sono principalmente due

- il prezzo e la marca: i prodotti meno costosi avranno bisogno di un maggior quantitativo

- dimensione della piscina: in base alla quale scegliere il prodotto che tratti i volumi di acqua desiderato 

Il cloro  dovrebbe essere sempre messo nel cestello dello skimmer, nei dosatori a lambimento o nei dosatori galleggianti, evitando il contatto con la superficie del liner che si potrebbe decolorare. Alle volte il cloro si trova anche in prodotti multiazione che possono avere anche altre funzioni come la prevenzione delle alghe, ma è importante ricordare che il multiazione può essere usato solo con il filtro a sabbia e comunque sempre dopo aver regolato il ph e aver fatto un trattamento di cloro shock all’inizio della stagione. 

Scritto da Gruppo San Marco

Prodotti collegati a questo articolo

Articoli Collegati

Ph e cloro: le basi del trattamento dell’acqua di una piscina

L’acqua di una piscina è un elemento indispensabile, che evolve continuamente e che non potete sottovalutare. Perciò è necessario prendersene cura e trattarla nel modo corretto per garantire il suo equilibrio e la sua qualità, così da assicurare il comfort dei bagnanti e anche la conservazione delle attrezzature. Partiamo dall'analisi di pH e cloro.

0 commenti su questo articolo - visualizza commenti
Cloro per piscine: le differenze e i modi d’uso di dicloro e tricloro

Che il cloro (libero) sia un elemento fondamentale per la manutenzione dell’acqua della nostra piscina, lo abbiamo già ribadito e sottolineato, parlando proprio delle basi per un corretto trattamento dell’acqua. Oggi parliamo di altre due importantissime "armi igienizzanti" per la buona salute dell'acqua di una piscina: dicloro e tricloro. Qual è la differenza? Come utilizzarle nel modo corretto? Servono entrambe? Vediamolo insieme.

Trattamenti alternativi al cloro per l’igienizzazione delle piscine

Una piscina fuori terra o interrata in giardino è il sogno di molti: a volte, però, amici o familiari si dicono contrari alla sua realizzazione perchĂ© non sopportano il cloroSiamo abituati a pensare a questo prodotto chimico come unica soluzione per la pulizia dell’acqua ma, per noi possessori di una piscina da giardino, esistono invece delle ottime alternative che potrebbero fare al caso nostro.

0 commenti su questo articolo - visualizza commenti

0 Commenti

Scrivi Commento

Nome:
 
Commento:
Nota: HTML non è tradotto!
Captcha
  • Visa Electron
  • Visa
  • Paypal
  • Mastercard
  • Maestro
  • Cirrus
  • Postepay
  • Bancomat
  • RateinRete