Consigli per l’arredo giardino con una piscina


Quando decidiamo di acquistare una piscina da giardino lo facciamo non solo per garantirci lunghi e spensierati bagni in uno spazio che consideriamo “solo nostro” ma anche per condividere momenti di relax con amici e parenti che possono essere vissuti anche fuori dall’acqua.

Ecco dunque che quasi naturalmente l’acquisto di una piscina può essere accompagnato da quello di un salotto, di sdraio e lettini e, se abbiamo abbastanza spazio, di gazebi od ombrelloni.

 

Possedere una piscina condiziona l’acquisto dell’arredo esterno, vediamo il perché

Naturalmente tutto l’arredamento giardino è pensato per essere più resistente all’azione degli agenti atmosferici rispetto all’arredo interno (anche se questo non ci esime dal doverlo proteggere durante l’inverno, come abbiamo scritto in questo articolo).

Tuttavia l’acquisto di una piscina frame, autoportante o interrata aumenta inevitabilmente l’esposizione dei nostri mobili da giardino all’acqua e all’umidità. Ecco dunque i salotti, tavoli e sedie più adatti da acquistare se si possiede una piscina:

 

1. Mobili da giardino a fibre intrecciate

I mobili intrecciati (vimini, rattan o rattan sintetico) oltre a essere favoriti dal materiale idrorepellente assorbono meno acqua proprio per la loro struttura a incastro di fibre che garantisce ventilazione e dunque asciugatura più rapida rispetto ad altri. Se al momento dell’acquisto hanno un leggero odore di kerosene non c’è di che preoccuparsi: è segno di un ulteriore trattamento per la resistenza all’umidità, quindi ancora meglio.

In questa categoria rientrano anche i mobili in textilene, prodotti dall’intreccio di poliestere ricoperto da una guaina in PVC: estremamente resistenti agli urti, assorbono pochissima acqua anche grazie alla struttura rigida che li caratterizza.

 

2. Ombrelloni da giardino o gazebi con telo in poliestere

Il poliestere è per eccellenza il tessuto che non trattiene umidità e sporco. Un ombrellone o gazebo da collocare accanto alla piscina è meglio che abbia il telo in questo materiale e grammatura non troppo bassa.

Se poi la struttura è stata verniciata con i metodi più moderni (ad esempio con polveri epossidiche) potremo stare ancora più tranquilli sulla tenuta nel tempo. In alternativa, anche il telo PVC ignifugo resiste bene all'umidità, ma è meglio che il gazebo sia stato pensato per essere collocato sul bordopiscina. 

 

E se vi piacciono i mobili in ferro o alluminio?

Se per arredare la vostra piscina fuori terra preferite i mobili in ferro battuto, in alluminio o in legno niente paura: l’acquisto non è affatto sconsigliato, semplicemente è necessario fare un po’ più di attenzione. Il vantaggio di molti mobili in alluminio o ferro, per esempio, è che possono essere spostati facilmente perché più leggeri e manovrabili.

Quindi è meglio riporli lontano dal bordopiscina durante i momenti di non utilizzo; se si prolungano, è il caso di coprirli con un telo anche per evitare l’esposizione eccessiva ai raggi UV. I mobili in legno, invece, vanno trattati circa due volte l’anno con appositi prodotti (ne abbiamo già parlato a proposito del legno teak) che ne rinvigoriscono l’idrorepellenza. 

Scritto da Gruppo San Marco

Prodotti collegati a questo articolo

1 Commenti

Carla On 10.03.2015
Articolo molto chiaro ma le indicazioni valgono senza distinzioni sia per le piscine fuori terra che per le piscine interrate o c'è qualche differenza? Rispondi a questo commento
Vis. da 1 a 1 di 1 (1 Pagine)

Scrivi Commento

Nome:
 
Commento:
Nota: HTML non è tradotto!
Captcha
  • Visa Electron
  • Visa
  • Paypal
  • Mastercard
  • Maestro
  • Cirrus
  • Postepay
  • Bancomat
  • RateinRete