Come regolare il pH della piscina fuori terra o interrata

Uno step importante per la salute della piscina: la regolazione del pH


Uno degli step basilari per la pulizia della piscina fuori terra o interrata, quello forse più importante di tutti, è la regolazione del pH. La scala dei valori del pH va da 0 a 14, e il valore ideale di pH che l’acqua deve avere è compreso tra 7.2 e 7.6.

Questo standard ideale serve non solo per evitare irritazioni a pelle e occhi dei bagnanti, ma soprattutto per far sì che i prodotti chimici (come ad esempio il cloro, il flocculante, l’antialghe e l’anticalcare) facciano il loro effetto in totale sicurezza e senza sprechi.

Un’acqua con pH acido, ossia inferiore a 7.2, rischia di corrodere le attrezzature metalliche, mentre un pH basico, ossia superiore a 7.6, rischia di provocare un accumulo di calcare e l’alterazione dei processi di igienizzazione. Per regolare il pH dell’acqua puoi installare nella tua piscina un regolatore automatico di pH, da abbinare agli apparecchi generatori di cloro tramite elettrolisi del sale. L’alternativa al regolatore di pH automatico è la regolazione manuale dei suoi valori.

 

Come misurare il pH manualmente nella tua piscina

Per identificare manualmente il valore del pH dell’acqua avrai bisogno innanzitutto di un tester. Sul mercato esistono due tipi di tester di pH, vediamoli insieme.

  • I tester elettronici sono degli strumenti pratici e veloci per analizzare il livello di pH, grazie al loro misuratore digitale, alle strisce monouso e al display che ti comunica esattamente il valore richiesto. I tester digitali di pH sono precisi e consentono una misurazione rapida.
  • I tester in blister sono disponibili in kit completi con flaconi e provette, utili per misurare i livelli di pH e di cloro presenti nell’acqua della piscina. A differenza dei tester digitali, i kit tester pH in blister sono meno precisi ma molto più economici.

 

LEGGI ANCHE >>> Tutto quello che c'è da sapere sulla piscina ad acqua salata

 

 

Come regolare il pH nell’acqua della piscina

Una volta che hai misurato il valore del pH, puoi procedere alla correzione vera e propria del valore con degli appositi prodotti chimici. Ne esistono di due tipi:

  • Il pH+ si utilizza per aumentare e stabilizzare il valore del pH, se inferiore a 7.2.
  • Il pH- si utilizza per abbassare e stabilizzare il valore del pH, se superiore a 7.6.

I prodotti chimici per la correzione del pH sono disponibili in diversi formati a seconda delle esigenze e delle dimensioni della piscina: puoi trovarli nei formati liquidi o granulari, a partire da 1 kg fino ai formati da 25 litri.

Per un corretto dosaggio è importante seguire le istruzioni riportate sulla singola confezione, ma in caso di dubbio contattaci: saremo lieti di rispondere alle tue domande.

Scritto da Gruppo San Marco

Articoli Collegati

Cloro shock e dicloro per il trattamento di clorazione shock

Come, quando e perché utilizzare il cloro shock: tutto quello che c'è da sapere sulla clorazione d'urto per una piscina sana e igienica.

0 commenti su questo articolo - visualizza commenti
Cloro lento e cloro shock: tutto quello che c'è da sapere

Quali sono le differenze tra cloro lento e cloro shock? Come utilizzarli nella propria piscina? Come calcolare le quantità? Tutte le risposte sul blog di Gruppo San Marco!

Piscina ad acqua salata: il vademecum completo

Quando parliamo di trattamenti per l’acqua della piscina, una della prime parole che ci viene in mente è “cloro”. Il cloro infatti è un elemento chimico indispensabile per la manutenzione e l’igiene della piscina fuori terra o interrata, ma per chi non vuole utilizzare il cloro è possibile scegliere di effettuare la clorazione dell’acqua con del comune sale da cucina. Come fare? Te lo spieghiamo in questo articolo!

0 commenti su questo articolo - visualizza commenti
  • Visa Electron
  • Visa
  • Paypal
  • Mastercard
  • Maestro
  • Cirrus
  • Postepay
  • Bancomat
  • RateinRete